Seleziona una pagina

Jaume Alsina Casalduero (d’ora in avanto Jaume Jr.) è stato nominato ufficialmente Amministratore Delegato (CEO) del Gruppo Alsina nell’ultima riunione del Consiglio di Amministrazione. A partire da questo momento, Jaume Jr. Sarà responsabile di gestire le strategie orientate a raggiungere gli obiettivi di Alsina in un futuro che si prevede essere molto complesso, ma a cui si guarda con ottimismo dall’interno dell’impresa e della famiglia proprietaria.

A 46 anni e con 19 anni di esperienza dentro Alsina, jaume jr. Fa parte della terza generazione famigliare al servizio dell’impresa. Ha ricoperto ruoli di responsabilità in diversi dipartimenti, con un focus particolare nell’area del business internazionale, dovuto all’importanza strategica che ha avuto quest’area per la compagnia. Con il brand Alsina posizionato in maniera molto competitiva nel mercato inteernazionale, il prossimo importante obiettivo del gruppo è convertira Alsina in una impresa ‘GLO-CAL’, ovvero in una compagnia globale che pensa in locale. Ciò si traduce in un’impresa che sfrutti il proprio know-how, le economie di scala, sinergie ed esperienza che competono ad un’impresa locale, adattandosi alla realtà e cultura di ogni Paese e dei suoi clienti, al fine di offrire un SERVIZIO vicino a livello logistico, commerciale, di prodotto e di supporto tecnico.

Dopo la sua nomina come nuovo CEO, Jaume Jr. si è posto la sfida personale di convertire Alsina nella “migliore” impresa di casseforme del mondo (che non significa la più grande), basando la propria strategia su 4 pilastri:

  • Prodotti e soluzioni eccellenti che derivano dalla nostra cultura innovatrice e dalla nostra incessante ricerca del miglioramento continuo.
  • Il cliente al centro di tutto per offrire il servizio che meglio si adatti alle sue necessità.
  • L’ANIMA delle persone che formano Alsina
  • L’impegno deciso nello sviluppo sostenibile come impresa a tutti i livelli, marcato negli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (ODS) proposti dall’ONU e che ci guideranno con orizzonte 2030.

Tutto ciò sarà possibile grazie al talento di un TEAM implicato e che si identifica con i valori dell’impresa, che rispetta profondamente a tutte le persone e istituzioni che girano intorno alla compagnia.